Le origini

Bisogna risalire al periodo fra le due guerre, per vedere nascere la prima bicicletta CHESINI. Siamo infatti nel lontano 1925 quando dalle mani sapienti di Gelmino Chesini, fondatore del prestigioso marchio, uscì bicicletta innovativa. In quella data, nell’officina in Nesente, piccola frazione a pochi chilometri da Verona, viene appunto forgiato il primo esemplare di bicicletta sportiva, la CHESINI Biciprecision.

Nel dopoguerra l’attività subì un impulso notevole e così, nel 1947, fu rilevata la fabbrica di biciclette “CICLI VALLETTI” sita in Verona, Via San Paolo, che divenne la nuova sede CHESINI.

Negli anni sessanta il boom economico portò profondi mutamenti nella mobilità delle persone, privilegiando sempre più quella a motore anche quale sorta di riscatto sociale. E così grazie alla profonda conoscenza della meccanica fine ed all’esperienza maturata nella costruzione dei meccanismi di trasmissione, parallelamente alla costruzione di biciclette, CHESINI divenne anche il centro assistenza delle macchine da cucito SINGER.

Nessuna distrazione era però concessa nella continua ricerca innovativa in campo ciclistico ed uno standard costruttivo di altissimo livello, non fu quindi un caso che nel 1963 il marchio CHESINI poté coronarsi della conquista del Mondiale Dilettanti 100 km e dilettanti a squadre nei due anni successivi.

Ben presto però la passione per la costruzione di biciclette di altissima qualità fece considerare di abbandonare altre attività collaterali che, se pur sempre minoritarie, potevano comunque sottrarre attenzione e risorse a quello che era, da sempre, l’obbiettivo vero:

Costruire biciclette speciali da corsa perfette per il corridore e per l’amatore

Con il passare del tempo è risultato evidente che il perseguimento di questo obbiettivo era antitetico alla produzione in larga scala ma non ci sono stati dubbi su quale strada scegliere decidendo, anzi, di puntare ancora più in alto aggiungendo alla rinomata qualità anche l’unicità.
Oggi ogni bici CHESINI è speciale perché unica, costruita su misura una ad una con dedizione, competenza, cura dei dettagli a immutata passione.

L'evoluzione

Le nuove leghe d'acciaio hanno poco a che vedere con le tubazioni in acciaio utilizzate fino agli anni ottanta, i materiali ora disponibili consentono prestazioni eccezionali soprattutto riguardo la resistenza a fatica, l'elevatissimo carico di rottura ed insensibilità al riscaldamento, il tutto con pesi che ora sono veramente contenuti.

Tali caratteristiche meccaniche unite alla lavorabilità del materiale permettono un ampio range di risposte rendendoli adatti ad impieghi e ciclisti diversi, caratteristiche queste che consentono di poter costruire dei telai realmente “su misura”.  

La nostra attuale produzione consiste in una decina modelli in grado di soddisfare i desideri dei ciclisti più esigenti. I telai vengono costruiti uno ad uno rendendo quindi possibili numerose personalizzazioni (dalle geometrie alle misure, dalle tubazioni ai colori ed altro ancora) garantendo in questo modo ulteriori varianti ai modelli esistenti. Inutile sottolineare come tutto questo ha come risultato quello di costruire una bicicletta, la vostra, che sarà semplicemente unica.

Iscriviti alla nostra newsletter